Waterstart

La partenza dall’acqua è, di solito, l’argomento dell’ultima lezione di un corso di kitesurf.

Ed a volte rappresenta il primo vero piccolo ostacolo che ogni kiter deve affrontare.

Le difficoltà per chi inizia sono varie: Il kite che non vuole stare al suo posto, la tavola che non si infila ai piedi, le onde che ci spostano dalla giusta posizione.

Effettuare un primo controllo dello spot ed accertarsi di avere sufficiente spazio libero sottovento ( i cavi della barra sono lunghi all’incirca 25 mt).

Posizionarsi con le spalle al vento.

Mettere il kite allo zenit.

Sedersi nell’acqua mantenendo sempre il kite allo zenit.

Portare la tavola di fronte, sottovento.

Infilare i piedi negli straps mantenendo sempre la posizione corretta (spalle al vento).

Facciamo andare leggermente il kite a sinistra lungo il bordo finestra; orientativamente ad ore 11.

Con un deciso comando sulla barra, dirigiamo il kite in diagonale a destra verso il centro della finestra di volo (power zone).

Appena si riesce a percepire la giusta trazione utile per sollevarsi dall’acqua, assecondare la spinta del kite con il corpo.

Distendere la gamba destra (quella avanti) e piegare leggermente la gamba sinistra ruotando leggermente il corpo con la spalla destra in direzione del vento.

Con un deciso comando sulla barra a sinistra facciamo risalire il kite sfruttando l’ulteriore spinta.

Appena acquisita la giusta velocità cercare di guadagnare l’andatura al traverso.